Qui le più fragili mie foglie, eppure quelle che dureranno più a lungo,
Qui velo e celo i miei pensieri che non mi piace rivelare,
Eppure essi mi rivelano più di ogni altra mia poesia.



Walt Whitman

UnderConstruction



Quando ho mangiato bene mi informo sul destino degli altri.

(pagina CulinAria, che non è una roba porno, ve lo dico:)

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

mercoledì 19 ottobre 2011

d'autunno

piccolo pensiero


ottobre malinconico
profumato di erba bagnata
l'enfasi dei colori assopisce nell'oro
la nebbia promette musiche d'ombra flessuose
il vento inveisce contro il languore affamato dell'aria

Lo
sguardo
cattura
il
cielo
rosso
caduto
in
grembo
all'ultima
foglia.




Aria






 

15 commenti:

  1. Le foglie
    si sa come l'autunno
    dagli alberi le toglie.

    RispondiElimina
  2. "le più fragili mie foglie, eppure quelle che dureranno più a lungo"


    nei tuoi occhi si rispecchia il rosso del tuo cuore,
    che è grande come il cielo:
    il cielo rosso del tramonto ha in sé il principio dell'alba nuova,
    tenero viene serbato nel grembo di quella foglia,
    per germogliare sempreverde e rinascere senza fine
    in un giorno di primavera

    piccolo pensiero per una donna dalla grande, grande, grande bellezza

    RispondiElimina
  3. Quel cielo rosso caduto nel grembo di una foglia (l'ultima) è davvero una bella immagine -:)

    RispondiElimina
  4. "...è mentre le foglie cadute al suolo diventano fredde come il selciato che le accoglie e respirano nessun colore, il rosso dei tramonti dorme sonni d'inverno sognando nuove albe da abbracciare per inventarsi un profumo nuovo da rinnovare dentro un altro ottobre, dentro un altro autunno da recitare..."
    Brava Aria, è sempre bello leggerti.
    Un abbraccio tesoro.

    RispondiElimina
  5. Sul tuo blog trovo Fascino e rime.
    Ora che il caso mi portato qui e ti ho trovata mi piacerebbe rimanere.

    Ti lascio un sorriso ammirato.

    RispondiElimina
  6. sono versi melodici accostati con delicatezza ed eleganza... attraverso le tue parole sento i colori e i profumi di questo autunno che ormai ci ha avvolto...
    un caro saluto

    RispondiElimina
  7. Aspetterò che il sole vada a dormire per vederti arrivare lontano dalla bruma, tra il silenzio e il mare. Ascolterò d'ottobre i tuoi sogni ad occhi chiusi volare come foglie d'incanto lasciano i giorni passare. Aspetterò emozioni come mani forti da abbracciare li come l'autunno si lascia amare.

    RispondiElimina
  8. Sei fantastica.. fai centro, sempre.

    RispondiElimina
  9. bentornata, mi mancavano le tue parole. un abbraccio :)

    RispondiElimina
  10. lo sai , amo questo periodo..giorni di cambiamenti, di vento e fruscio di foglie..di aria frizzantina sul viso..mi riporta alla sensazione di calore e poi i colori, splendidi ;) Un abbraccione Nichi ;)

    RispondiElimina
  11. Ho raccolto le foglie in una scatola per donarle alla prossima primavera.

    RispondiElimina
  12. Muy bello poema, me encanta el otoño reflejado en tus palabras que hacen que evoque bellas imágenes. Un abrazo.

    RispondiElimina
  13. E comincia il tempo delle riflessioni.

    RispondiElimina
  14. Trovo Ottobre molto introspettivo e questa, forse, la stagione più bella.

    RispondiElimina

nota

I post etichettati col tag "echi" sono ritorni di parole, ripubblicazioni di pensieri posati nel tempo andato in due blog sul portale di Libero (che non ho cancellato nonostante li ritenga finiti). Per ragioni ogni volta diverse ho voglia di sentire l'eco di quel passato, qui.

altrove

Lettori fissi





Cara, amica mia cara,
ciò che riceverai sono oggetti da riempire, come lo è la vita d'altronde. Riempire con le tue scintille di bellezza che assomigliano un po' alle mie - altrimenti perché saremmo amici? continua

infiniti cristalli, brandelli di trasparenze raccolti ai bordi di un'anima fragile, se frugo in me non trovo che questo: frammenti di aria.

passato prossimo

... .. . ..

. . . . .