Qui le più fragili mie foglie, eppure quelle che dureranno più a lungo,
Qui velo e celo i miei pensieri che non mi piace rivelare,
Eppure essi mi rivelano più di ogni altra mia poesia.



Walt Whitman

UnderConstruction



Quando ho mangiato bene mi informo sul destino degli altri.

(pagina CulinAria, che non è una roba porno, ve lo dico:)

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

martedì 27 ottobre 2009

la ragione di un desiderio


la ragione di un desiderio


.
[ricordo]
.

Ti guardo.
Scruto il tuo corpo l e n t a m e n t e. Con distacco.
Frugo nella trama della tua pelle.
Cerco t r a s p a r e n z a
per guardare dentro e trovarvi la ragione del mio desiderio
                                                                                   come un bambino che smonta la sveglia per sapere cos’è il tempo.
Mi soffermo sui dettagli.
Ti ispeziono con attenzione clinica.
Forse il il mio desiderio è imprigionato lì, nelle cicatrici disseminate sul petto
Orme gonfie di tempi --- attese ---- esplosioni d’ira
Osservo la pelle del viso, vicino l’attaccatura dei capelli, conto le minuscole scaglie opalescenti, stanche di aderire ad un tessuto minato da un’eziologia ancora sconosciuta. Macchie rosse, infiammate, è lì
È lì che si nasaconde il mio desiderio?
Rovisto lungo le linee delle labbra e del naso e in ogni singolo pelo stretto dentro il suo follicolo. E’ costretto lì, in ogni poro, il mio desiderio?
Analizzo gli occhi. Vorrei stabilirne il colore: acqua-ferro-cielo-sabbia-argento-limo-
Ma no. Non è nel colore che voglio entrare, voglio affacciarmi dentro il tuo sguardo, vedere se è dentro i tuoi occhi la causa del mio desiderio.

Ma poi ti muovi. E il mio desiderio è qui. Sei tu. Interamente tu.
























Esamino il ricordo
                                                                            Come un insetto raro e molesto
Per trovare la ragione della mia nostalgia.
Ma poi mi muovo. E la mia nostalgia è qui.
Sono io.




Aria
.
.
.
.
.

11 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. scusa Aria, ho cambinato un guaio. ma mi farò perdonare... :)... Mat.

    RispondiElimina
  3. ..ho perso i dettagli, ho perso l'attenzione, ho perso i segni del tempo che sbiadiscono con il dolore, ne di vento ne d'amore vestirò l'anima mia, che tra i sogni neppure di felicità vola via..che ragioni posso darti se la notte giovane non lo è più, che desiderio posso nascondere tra le mani ancora che non abbia i tuoi occhi..

    RispondiElimina
  4. sento mani assetate di sguardi dentro i miei ricordi
    sento passi leggeri di pioggia dietro l'uscio del tempo
    sento un fruscio lento bisbigliare di fronde nell'aria smossa
    gorgoglio
    fruscio, scalpiccio
    mormorio
    tramestio...
    nembo.
    capriccio.
    è passato.

    RispondiElimina
  5. Scusa ma. (Coincidenze ancora). Le tue parole sfiorano la perfezione di un nodo in gola che non avevo ancora espresso. Lo hanno sciolto loro, così femminili - eppure senza genere dichiarato - chirurgiche nella loro dolcissima attenzione... (sì).
    A presto ;)

    RispondiElimina
  6. Quando un nodo riesco a dirlo, solo allora comincio a scioglierlo. Sì...

    RispondiElimina
  7. Tesoro mio, sei perfetta...ogni sfumatura un respiro, una verità, un introspezione assoluta. Sei tu...sei la mia T. sempre...ti adoro...Momi

    RispondiElimina
  8. Tesoro!! cel'hai fatta! è bellissimo vederti qui...sì, sono la tua t., sempre! Momimia, mio primoamor....

    RispondiElimina
  9. ...torno, leggo e rileggo queste parole...e te le ruberò per inserirle tu sai dove! Ciao amor mio...la tua luce illumina la mia sala...ci sei sempre!!!^_^

    RispondiElimina
  10. tesoro puoi fare quello che vuoi con le mie parole! sono felice che ancora la luce passi dalle porte della nostra memoria! bacio momimiamor :-*

    RispondiElimina

nota

I post etichettati col tag "echi" sono ritorni di parole, ripubblicazioni di pensieri posati nel tempo andato in due blog sul portale di Libero (che non ho cancellato nonostante li ritenga finiti). Per ragioni ogni volta diverse ho voglia di sentire l'eco di quel passato, qui.

altrove

Lettori fissi





Cara, amica mia cara,
ciò che riceverai sono oggetti da riempire, come lo è la vita d'altronde. Riempire con le tue scintille di bellezza che assomigliano un po' alle mie - altrimenti perché saremmo amici? continua

infiniti cristalli, brandelli di trasparenze raccolti ai bordi di un'anima fragile, se frugo in me non trovo che questo: frammenti di aria.

passato prossimo

... .. . ..

. . . . .