Qui le più fragili mie foglie, eppure quelle che dureranno più a lungo,
Qui velo e celo i miei pensieri che non mi piace rivelare,
Eppure essi mi rivelano più di ogni altra mia poesia.



Walt Whitman

UnderConstruction



Quando ho mangiato bene mi informo sul destino degli altri.

(pagina CulinAria, che non è una roba porno, ve lo dico:)

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

sabato 12 giugno 2010

Oggi, mare, sei il mio cuore

           E c'è il mare, che l'estate inquieta e placa. E la frescura delle onde che di colpo s'induriscono e coprono di indolenti fili d'acqua le lunghe sabbie ardenti. E l'ombra di un canneto abbandonato che disegna al suolo il lento passo delle ore luminose. Tutto ciò ha senso se sotto il sole e sulla sabbia, e dentro l'acqua, e proiettato nella nitida trasparenza della distanza, il corpo è accompagnato dall'uguale certezza che lo riflette e sublima.
(...)      In questi giorni di fuoco è necessario essere di fuoco. L'estate è un corpo di donna che avanza come polena, fiamma che rompe le fiamme. Ha in mano gli innumerevoli fiori che resistono al tempo. Trasporta con sé un segreto di vita che corre sulle onde del mare, sulle cime rumorose degli alberi, tra la soffice lanugine che riveste l'incavo delle ali degli uccelli. L'estate canta trionfale. E' un grido di giubilo lanciato verso i misteri minacciosi. E diviene un mormorio dentro le notti scure e profumate, quando una lieve e tiepida brezza giunta dalle arche dell'orizzonte passa sul volto come un'imponderabile carezza di mani amate.
            Canto l'estate che mi canta. E giro lentamente il corpo in questo spazio come un figlio del sole, mentre il mare risplende. Pianto i piedi nella sabbia che ubriaca e colgo con le mani avide i frutti più alti. E' tempo loro. Mi distendo lungo sulla barca portata dalla corrente e vedo passare rami verdi, bianche nubi, cieli di azzurro e perla, uccelli prodigiosi.
             Cade su di me una profonda e dolorosa allegria: verrà l'inverno, ma oggi è estate.

["L'estate" / Di questo mondo e degli altri - José Saramago]



Oggi, mare, sei il mio cuore 
e io  ti creo  col mio ricordo avido e dirompente, mentre ti guardo e ti raggiungo.

Un'onda  immediata e franante raccoglie  il cielo azzurro
scava dall'orizzonte e dirompe sino alla riva
discioglie il colore sulla sabbia e prova a dipingermi i piedi di
blu
 Passa e riparte, torna, ritenta,  in un incessante susseguirsi di palpiti uguali al cuore di ogni giorno
 movimento perpetuo, costante mutamento, perenne contraddizione.
Guardare il mare fa male agli occhi cambia al sole di volta in volta concavo e convesso
 ricorda una lamina metallica di mille tonalità
diverse
 Zampilli sfrangiati come fili lucenti  tentano di legare colori che  non si sono ancora posati in alcun luogo
e come foglie di luce si disperdono nel vento
L'azzurro si stempera nelle mani e fugge le mie dita impaziente di tuffarsi negli abissi e tornare carico di canti
profumati.
Seguo un'onda fremente e sognante che ha inzuppato la mia pelle di baci, mi abbandono alle liquide mani del mare,
i capelli si distendono nel verde smeraldo,  i piedi continuano ad avanzare pigramente sulla sabbia,
l'acqua mi scivola sul collo titillandolo con morbide carezze risale sul mento, gorgheggia nelle orecchie, mi bacia le 
 labbra
lo sguardo cattura una nuvola candida che  nuota nel cielo fluido
La pelle si imbeve di suono umido, gli occhi si tingono di vento,i pensieri si disperdono nel nulla come
frammenti di aria.
Con quale sottile piacere il mare si impossessa di me! Regalandomi l'illusione che sia io, a possedere
lui.
Chiudo gli occhi e mi lascio naufragare nella bellezza.
Resto fuori da ogni cosa, ora che sono dentro ogni cosa.
Non c'è più posto per le parole.
Oggi il mio cuore è il mare.

Aria



Vado a prenderti il mare
dove il mare è più blu
chiuso nel palmo delle mani
così che tu possa vedere
i miei mille volti
così che tu possa scoprire
il mio vero nome
così che tu possa leggere
nel mio cuore
.
Aria

eco del 21/11/2007




E quando sarò andata, andata via,

il mio canto potrà forse restare

per poco, come l'onda nella scia

dopo che s'è perduta in alto mare.








Ci rivediamo a settembre.
Un bacio agli amici.
Un sorriso a chi passa.
Aria

foto: Elena Kalis


25 commenti:

  1. Mi fa piacere per te, ma noi rimaniamo "sospesi" in questa attesa ? Ciao e salutami il mare (arriverò il 9 Agosto).

    g

    RispondiElimina
  2. Tanti auguri piccola cicala canterina
    dai capelli di tramonto
    e gli occhi di mare profondo.
    Che il cuore d'argento scintilli
    e nessuna lacrima dorata brilli.
    Insomma amica, perdona la terribile rima,
    volevo solo dirti che alla mia anima sei vicina.
    Ti voglio tanto bene.
    AUGURI! :)

    Sogno

    RispondiElimina
  3. un bacio lungo fino al tuo ritorno
    Maurizio

    RispondiElimina
  4. Rimanere lì dove rimane un pò di risacca. Prima o poi arriva l'onda nuova che bagna. E, insieme a questa, ritrovare il canto perduto. Angelo

    RispondiElimina
  5. Un post dedicato all'estate... voglia di mare... bellissimo!!!
    E buona vacanza!!!
    Ciao

    RispondiElimina
  6. Questi giorni non passano mai, queste notti non vestono di sorriso il mio viso, vorrei saperti felice.. cosi come lo sei.
    Maurizio

    RispondiElimina
  7. Non posso colorare un mondo di sogni senza un sorriso..aspetterò.
    Maurizio

    RispondiElimina
  8. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  9. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  10. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  11. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  12. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  13. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  14. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  15. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  16. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  17. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  18. Tesoro, vedo che anche tu hai beccato la sciroccata di turno...pensa quanto tempo ha perso a cercare le tue tracce in giro...la gente non sta bene...ti abbraccio

    RispondiElimina
  19. Già...mi mancava, in effetti.
    Stendo un velo pietoso che è meglio. cancello ma ho conservato tutto (anche i commenti moderati frufrù tranquilla :).
    E pensa che continua ad entrare qui e in uno degli altri miei due blog, ogni giorno. mah...

    ti abbraccio tesoro, e abbraccio anche Sogno e Mat, grazie ragazze :)

    RispondiElimina
  20. vi conoscevo in libero e vi ritrovo qui.. particolarità che illumina la notte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Simonetta, su Libero ho avuto due blog molto diversi, uno era il mio giorno e l'altro la mia notte, qui mi sono riunita. Un sorriso, ora vengo a trovarti

      Elimina

nota

I post etichettati col tag "echi" sono ritorni di parole, ripubblicazioni di pensieri posati nel tempo andato in due blog sul portale di Libero (che non ho cancellato nonostante li ritenga finiti). Per ragioni ogni volta diverse ho voglia di sentire l'eco di quel passato, qui.

altrove

Lettori fissi





Cara, amica mia cara,
ciò che riceverai sono oggetti da riempire, come lo è la vita d'altronde. Riempire con le tue scintille di bellezza che assomigliano un po' alle mie - altrimenti perché saremmo amici? continua

infiniti cristalli, brandelli di trasparenze raccolti ai bordi di un'anima fragile, se frugo in me non trovo che questo: frammenti di aria.

passato prossimo

... .. . ..

. . . . .