Qui le più fragili mie foglie, eppure quelle che dureranno più a lungo,
Qui velo e celo i miei pensieri che non mi piace rivelare,
Eppure essi mi rivelano più di ogni altra mia poesia.



Walt Whitman

UnderConstruction



Quando ho mangiato bene mi informo sul destino degli altri.

(pagina CulinAria, che non è una roba porno, ve lo dico:)

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

mercoledì 23 febbraio 2011

Nessuno si bagna due volte nello stesso fiume

.
.
.
.
     Guardo ora il fiume che conosco così bene. Il colore delle acque, il modo in cui scivolano lungo le rive, i verdi zampilli, la piattaforma di limo dove hanno trovato dimora le rane, dove le libellule (dette anche cavalocchi) posano l'estremità delle piccole grinfie - questo fiume è qualcosa che mi scorre nel sangue, a cui sono legato da sempre e per sempre. In esso ha navigato, ho imparato a nuotare, ne conosco il fondale e le tane dove i barbi si librano immobili. E più che un fiume, forse è un segreto.
     E, tuttavia, queste acque già non sono più le mie acque. Il tempo vi fluisce, le trascina ed è trascinato nella corrente liquida, lentamente, alla velocità (qui, sulla terra) di sessanta secondi al minuto. Quanti minuti sono già passati da quando mi sono sdraiato sulla riva, sul fieno secco e dorato? Quanti metri è avanzato quel tronco marcio che galleggia? La campana suona ancora, un brivido ha scosso ora la sera, dove sono gli aironi? Lentamente mi alzo, scuoto i fili di paglia dal vestito. Mi infilo le scarpe. Prendo un sasso, un sasso rotondo e compatto, lo lancio in aria, in un gesto del passato. Cade in mezzo al fiume, s'immerge (non lo vedo, ma lo so), attraversa le acque opache, si posa nel fango del fondo, s'interra un po'. Ha cambiato posto, forse l'inverno lo trascinerà più lontano o lo restituirà alla riva da cui l'ho preso. O forse resterà lì per sempre. 
.
     Scendo fino all'acqua, vi immergo le mani e non le riconosco. Mi vengono alla memoria altre mani immerse in un altro fiume. Le mie mani di trent'anni fa, il fiume antico di acque che si sono ormai perse nel mare. Vedo passar il tempo. Ha il colore dell'acqua ed è carico di detriti, di petali strappati da fiori, di un rintocco lento di campane. Intanto, come un lampo passa un uccello color del fuoco. La campana tace. E io scuoto le mani bagnate di tempo, alzandole fino agli occhi - le mie mani di oggi con cui afferro la vita e la verità di quest'ora.

[José Saramago -  "Nessuno si bagna due volte nello stesso fiume" / Di questo mondo e degli altri ]






22 commenti:

  1. si, sono mani bagnate, mai aride ... bagnate di un'acqua speciale, liquido amniotico vitale, brodo primordiale, che rigenera sempre da una sorgente intima e profonda, il tuo amore ... scoperta sempre nuova e intatta rinvenuta dalle rovine del tempo

    RispondiElimina
  2. Leggendo è trascorso un minuto, ma ne valeva la pena -:)

    RispondiElimina
  3. un abbraccio tesora bella...

    RispondiElimina
  4. sai che leggendo questo pezzo di José Saramago, che non conoscevo, si è mossa, dentro nel profondo la stessa emozione che mi regala il mio torrente, quello che fa parte delle mie riflessione da quando ero bambina. grazie.
    Abbraccio

    RispondiElimina
  5. Bello, c'è anche un detto africano a proposito del fiume. Ci avevo fatto un post tempo fa...bacio stellabella...-))*

    RispondiElimina
  6. Le mani, il tempo, l'acqua in un concerto di emozioni rammentano la mia vita...

    RispondiElimina
  7. Bellissimo!!!Complimenti!!!!

    RispondiElimina
  8. "πάντα ῥεῖ ὡς ποταμός" Eraclito
    Tutto scorre come un fiume.

    Un anno fà, di ritorno da barcelona per le vacanze di natale, ho iniziato a parlare con una ragazza seduta al mio fianco in aereo. Le ho chiesto consiglio su un libro da leggere dato che ero abbastanza a corto di idee e quella ragazza era bellissima. Mi ha consigliato il mio libro preferito, e questo non ha fatto altro che renderla ancora più bella e poi mi ha consigliato cecità di saramago. Ho scoperto un genio della scrittura, della parola, un filosofo. Ora sto leggendo il viagio dell'elefante e continuo a credere sia un uno dei migliori.
    Un bacio

    RispondiElimina
  9. Quando i secondi sono troppo veloci e i minuti troppo lenti non bisogna preoccuparsi. E' normale.
    Fuori sincrono, a volte, è divertente.

    RispondiElimina
  10. leggendo questo brano mi sono emozionata...grazie :)

    RispondiElimina
  11. @ Angelo
    ……solo tu ci riesci….

    @Guglielmo
    Ahahaha! In effetti, i miei post di regola sono più brevi (credo che l’immediatezza sia fondamentale, in questo luogo, buio perdipiù!), però hai ragione, vale la pena!


    @Yuki
    Ti abbraccio forte, tesoro!


    @Mat grazie a te tesoro, mia fonte di ispirazione :)
    (aspetto quel pezzo di cui abbiamo parlato stamattina…o lo pubblichi o me lo mandi!)


    @BelladonnaDiProfilo
    Anche Borges ha scritto del fiume che passa e resta, QUI, ma salta le mie parole e vai direttamente al frammento accanto all’immagine…e se proprio vuoi approfondire (secondo me vale la pena), nel post c’è il link per accedere direttamente alla versione inteegrale.
    E comunque gli africani sono grandi saggi :)
    bacio bellaDonna!


    @Mark
    E anche la mia, anche la mia…anche se l’acqua di cui sono fatta è quella del mare…

    @Laura
    Sono d’accordo cara! È un frammento molto bello!


    @ilMaltese
    come dice ancora Borges
    “E’ anche come il fiume senza fine
    che passa e resta; è specchio di uno stesso
    Eraclito incostante, uno e diverso
    sempre, come il fiume senza fine.”

    Io amo incondizionatamente Saramago, e amo tutti i suoi libri, ne ho letti molti ma conto di arrivare a tutti :) . Cecità è un capolavoro, ma ti assicuro che non rimarrai deluso da nessun altro dei suoi…nel momento in cui ti innamori del suo modo di scrivere incalzante, del suo modo di descrivere una realtà in un modo totalmente diverso da tutti, rivoltandola e mostrandone gli errori e le certezze, gli inganni e i disinganni, la faccia volutamente nascosta delle cose, quanto ti sei completamente immerso nella profondità delle parole aul punto che il pensiero si allarga come un sasso lanciato nel mare, non hai più scampo!
    Ti consiglio di leggere, poi, Memoriale del convento, meraviglioso (se vuoi qualche anticipazione ho pubblicato alcuni frammenti QUI, e “l’uomo duplicato” un romanzo folle, e poi ce ne sono tanti…tutti belli, “Il vangelo secondo Gesù Cristo” mi ha dato una chiave di lettura umana di Cristo (sebbene sia assolutamente dissacratorio), e poi Caino, il suo ultimo libro. E poi ne riparliamo :)
    E la pianto sennò non la smetto più!


    @Lorenzo
    Io sono asincrona, e pure asimmetrica, atipica, ariccia, arossa e asintomatica…sto a posto :) ) )


    @LaSoprammobile
    Anch’io! E così l’ho pubblicato :)
    Grazie a te!

    RispondiElimina
  12. ps per ilMaltese
    mi hai fatto venire voglia di pubblicare su wordpress qualche frammento di Cecità, l'avevo già fatto in un blog precedente... me li riporto qui, :) grazie!

    RispondiElimina
  13. Le mie mani di oggi sono infinitamente più interessanti di quelle di trent'anni fa... hanno storia, sentono meglio. Sanno indicare e rassicurare. Diverse.
    VieniVia

    RispondiElimina
  14. Le mie mani hanno ancora tanto da imparare. Ti abbraccio tesoro.

    RispondiElimina
  15. @ VVA
    Proprio così. In verità spesso siamo legati al passato, ci assalgono i rimpianti per ciò che è stato, vorremmo tornare indietro, desideriamo sentire gli stessi odori, gli stessi sapori di quando eravamo felici...invece nuovi profumi ci attendono. E le nostre mani, memori di ciò che hanno toccato, imparano ad ascoltare.

    sanno indicare?? da quale parte devo andare per la città dei Balocchi, mi scusi :))))

    @ Sogno
    Proprio così, con maggiore consapevolezza impareranno ancora e ancora. ti abbraccio con le mani e con le braccia tesoro :)

    RispondiElimina
  16. ma come ha fatto il maltese a scrivere in greco. Bellissimo! quello mi ha emozionata più del Saramago. Rivedere quelle lettere greche dopo tanti tanti anni....:*

    RispondiElimina
  17. La vida es como el río que nos lleva sin remedio hacia un final seguro. Me ha gustado mucho el detalle de la piedra, porque en la vida pueden quedar cosas nuestras una vez que nos hemos ido, bien enterradas o arrastradas o bien que vuelvan a la orilla y otras manos disfruten de aquella "piedra" que con cariño realizamos y dejamos en nuestro viaje. un abrazo.

    RispondiElimina
  18. @Scheggiata
    e non lo so! avrà una tastiera antica :)
    :*

    @Leovi
    l'attenzione sulla pietra, che qui ha un senso, e cioè che anche un sasso (canonicamente pesante, come un sasso appunto:) cambia posto a seconda delle correnti e del tempo, mi ricorda un altro stralcio, di Arthur Golden
    "Conduciamo la nostra esistenza come acqua che scende lungo una collina, andando più o meno in un'unica direzione finché non urtiamo contro qualcosa che ci costringe a trovare un nuovo corso". Insomma cambia la pietra, e cambia l'acqua.
    Un abbraccio Leovi. e un sorriso :)

    RispondiElimina
  19. Sto pensando.Se siano più le cose che raccontano di aver perduto o trovato..

    RispondiElimina
  20. credo che raccontino.
    (ciao chetùdolce:)

    RispondiElimina
  21. Mi piace l'idea di avere una tastiera antica e qualche ricordo degli anni passati (non molti a dire la verità)da quando imprecavo contro il Rocci che non sembrava mai darmi una mano.
    Buona giornata

    RispondiElimina
  22. anche mio figlio impreca contro il rocci, tanto che lo tratta malissimo e una volta l'ha dimenticato su una panchina della stazione dei pulmann... pensa che non l'ha rubato nessuno, l'abbiamo ritrovato dopo un'ora, impettito, lì, sulla panchina, tutto blu, intonso e tranquillo!
    buona giornata a te, anche se non è la stessa...riesco a collegarmi così poco.

    RispondiElimina

nota

I post etichettati col tag "echi" sono ritorni di parole, ripubblicazioni di pensieri posati nel tempo andato in due blog sul portale di Libero (che non ho cancellato nonostante li ritenga finiti). Per ragioni ogni volta diverse ho voglia di sentire l'eco di quel passato, qui.

altrove

Lettori fissi





Cara, amica mia cara,
ciò che riceverai sono oggetti da riempire, come lo è la vita d'altronde. Riempire con le tue scintille di bellezza che assomigliano un po' alle mie - altrimenti perché saremmo amici? continua

infiniti cristalli, brandelli di trasparenze raccolti ai bordi di un'anima fragile, se frugo in me non trovo che questo: frammenti di aria.

passato prossimo

... .. . ..

. . . . .